Nave degli empi, che soverchi l'onda

Giovanni Battista Cotta

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Nave degli empi, che soverchi l'onda Intestazione 3 aprile 2022 100% Da definire


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Gio. Battista Cotta


[p. 135 modifica]

XVII


Nave degli empi, che soverchi l’onda
     De’ rei piacer così veloce e lesta,
     Volgi l’iniqua prora, e il corso arresta,
     Che de’ perigli tuoi parla ogni sponda.
5A danni tuoi già torbida e profonda
     L’acqua del mar muove crudel tempesta:
     Squarcia le vele il vento, e omai t’affonda
     Voragin cupa, e il flutto urta, e ti pesta.
Ohimè già veggio ogni tuo bene assorto,
     10Veggio l’antenne, e ogni tuo legno infranto,
     Veggio il nocchiero naufragante e morto.
Oh nave, nave baldanzosa! Oh quanto,
     Quanto era meglio a tempo entrare in porto!
     Mira ove sei per l’indugiar cotanto.