Apri il menu principale

Mio Dio, quel cuor, che mi creaste in petto

Angel Antonio Sacco

M Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Mio Dio, quel cuor, che mi creaste in petto Intestazione 25 giugno 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Angel Antonio Sacco


[p. 371 modifica]

I


Mio Dio, quel cuor, che mi creaste in petto,
     Per l’immenso amor vostro è angusto e poco,
     Nè può in carcer sì breve, e sì ristretto
     Starsi tutto racchiuso il vostro fuoco.
5Pur che poss’io, se all’infinito oggetto
     Non è in mia man di dilatare il loco?
     Più vorrei, più non posso. Ah mio diletto,
     Voi per voler, voi per potere invoco.
Più vorrò, più potrò, se voi vorrete:
     10Ma poi che prò, se ’l vostro merto eccede
     D’ogni voler, d’ogni poterle mete?
Deh me guidate’ alla beata sede!
     E colassù di ritrovar quiete
     Il mio poter nel voler vostro ha fede.