Mia madre m'ha 'ngannat' e Ciampolino

Cecco Angiolieri

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Mia madre m'ha 'ngannat' e Ciampolino Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

I' son sí magro, che quasi traluco, De la persona, ma piú de l'avere Mie madre disse l'altrier parol'una
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti (Cecco Angiolieri)
[p. 118 modifica]

CXI

La madre ed un falso amico lo derubano senza ritegno.

Mia madre m’ha ’ngannat’e Ciampolino
non s’ha tenute le man a Centura:
ch’e’mi soleva dir coni’gran ventura
4si conterie morir me a’ssessino;
e cert’e’non farebb’ad un taupino
in mie servigi’ una picciol paura,
ma di tòllar lo mie ben s’assicura:
8e di ciò non parlò santo Agostino.
Gli’e’ me ne renda sol un vii denaio:
ché mie madre ha saputo ben si fare,
11che Mino colui’ed io vóti’ho lo staio;
e ch’i’sie su’figliuolo a me non pare,
ma figliastr’; e ch’i’ batt’acqu’a mortaio,
14dice, se quel di Min credo fruttare.