Apri il menu principale

Lettera a Galileo Galilei (24 dicembre 1610)

Benedetto Castelli

1639 L Lettere testi scientifici Lettera a Galileo Galilei Intestazione 28 dicembre 2008 75% Lettere

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Lettera di Padre Benedetto Castelli a Galileo Galilei (a Firenze), Brescia 24 dicembre 1610


Molto Ill.re et Ecc.mo Sig.re

Con questa mia, prima intendo di augurarli le felicissime Feste di quest'anno e dell'anno futuro e di mill'apresso; poi, di significarli un mio pensiero e desiderio, rimettendomi in tutto e per tutto al suo savio consilio e gagliardo aiuto. Il desiderio è questo. Io desidero di impiegare, qual si sia, quel beneficio che ho riceuto da V. S. Ecc.ma nei studii, di impiegarlo, dico, in modo tale, che una volta habbia, prima, da otturar la bocca a tanti che mi dicono che queste scienze non mi daranno un aiuto al mondo; poi, di accomodar in maniera le cose mie, che possa, con la quiete del vivere, haver comodità di dar qualche sorte di perfezione alle cominciate fatiche. Hora, havendo inteso che il Ser.mo Sig.r D. Francesco deve andar in Spagna (di grazia, V. S. Ecc.ma mi perdoni; chè il mio bisogno mi fa desiderare), se vi fosse loco tra tanti servitori che il nominato Signore condurà in sua compagnia, volentieri mi ci metterei in frotta: alla peggio, lo servirò con la Messa per capellano. Se li pare riuscibile il negozio, mi ci proponga et aiuti, chè l'assicuro che favorirà uno, non solo che tenerà perpetua memoria di tanto beneficio, ma che nelle azzioni sue non si scostarà dai suoi indrizzi e comandi; e quando questo non riesca, la suplico a voler pensar qualche volta al caso mio, che pur li son e discepolo e servitore.

Per la prima comodità son per mandar a V. S. Ecc.ma la demostrazione di certe proposizioni che ho dimostrate sopra il primo di Archimede De aequeponderantibus, per sottometterle alla censura del purissimo intelletto di V. S. Ecc.ma Alla quale facendo riverenza, bacio le mani.

In Brescia, il 24 di Xmbre 1610.
Di V. S. molto Ill.re

Oblig.mo Ser.re

D. Benedetto Castelli.