Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto LXII

Sonetto LXI Sonetto LXIII

[p. 71 modifica]

SONETTO LXII.


SE bianche non son prima ambe le tempie,
     Ch’a poco a poco par, che ’l tempo mischi;
     Securo non sarò, bench’io m’arrischi
     4Talor', ov’Amor l’arco tira, ed empie.
Non temo già, che più mi strazi, o scempie,
     Nè mi ritenga, perch’ancor m’invischi;
     Nè m’apra il cor, perchè di fuor l’incischi,
     8Con sue saette velenose, ed empie.
Lagrime omai da gli occhi uscir non ponno;
     Ma di gir infin là sanno il viaggio;
     11Sì, ch’appena fia mai chi ’l passo chiuda.
Ben mi può riscaldar il fiero raggio,
     Non sì, ch’i’ arda; e può turbarmi il sonno,
     14Ma romper nò, l’imagine aspra, e cruda.