Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CXVIII

Sonetto CXVII Sonetto CXIX

[p. 124 modifica]

SONETTO CXVIII.


NOn d’atra, e tempestosa onda marina
     Fuggìo in porto giàmmai stanco nocchiero;
     Com’io dal fosco, e torbido pensiero
     4Fuggo, ove ’l gran desio mi sprona, e ’nchina;
Nè mortal vista mai luce divina
     Vinse; come la mia quel raggio altero
     Del bel dolce soave bianco e nero,
     8In che i suoi strali Amor dora, ed affina.
Cieco non già, ma faretrato il veggo;
     Nudo, se non quanto vergogna il vela;
     11Garzon con ali, non pinto, ma vivo.
Indi mi mostra quel ch’a molti cela:
     Ch’a parte a parte entro a’ begli occhi leggo
     14Quant’io parlo d’Amore, et quant’io scrivo.