Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CXC

Sonetti

../Sonetto CLXXXIX ../Sonetto CXCI IncludiIntestazione 2 febbraio 2014 100% Sonetti

Sonetto CLXXXIX Sonetto CXCI

[p. 166 modifica]

SONETTO CXC.


PAsser mai solitario in alcun tetto
     Non fu, quant’io; nè fera in alcun bosco:
     Ch’i’ non veggio ’l bel viso; e non conosco
     4Altro Sol; nè quest’occhi han’altro obietto.
Lagrimar sempre è ’l mio sommo diletto;
     Il rider doglia; il cibo assenzio, e tosco;
     La notte affanno; e ’l ciel seren m’è fosco;
     8E duro campo di battaglia il letto.
Il Sonno è veramente, qual’uom dice,
     Parente della Morte; e ’l cor sottragge
     11A quel dolce pensier che ’n vita il tene.
Solo al mondo paese almo felice,
     Verdi rive, fiorite ombrose piagge,
     14Voi possedete, ed io piango ’l mio bene.