Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CCXXVIII

Sonetto CCXXVII Canzone XL

[p. 193 modifica]

SONETTO CCXXVIII.


OImè il bel viso; oimè il soave sguardo;
     Oimè il leggiadro portamento altero;
     Oimè 'l parlar ch’ogni aspro ingegno, e fero
     4Faceva humìle, ed ogni huom vil gagliardo;
E oimè il dolce riso onde uscìo ’l dardo
     Di che morte, altro bene omai non spero:
     Alma real, dignissima d’impero,
     8Se non fossi fra noi scesa sì tardo.
Per voi conven ch’io arda, e ’n voi respire:
     Ch’i’ pur fui vostro: e se di voi son privo;
     11Via men d’ogni sventura altra mi dole.
Di speranza m’empieste, e di desire,
     Quand’io partì dal sommo piacer vivo:
     14Ma ’l vento ne portava le parole.