Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CCLXI

Sonetto CCLX Sonetto CCLXII

[p. 215 modifica]

SONETTO CCLXI.


LEvommi il mio penser in parte ov’era
     Quella ch’io cerco, et non ritrovo in terra:
     Ivi, fra lor che ’l terzo cerchio serra,
     4La rividi più bella et meno altera.
Per man mi prese, et disse: - In questa spera
     Sarai anchor meco, se ’l desir non erra:
     I’ so’ colei che ti die’ tanta guerra,
     8Et compie’ mia giornata inanzi sera.
Mio ben non cape in intelletto humano:
     Te solo aspetto, et quel che tanto amasti
     11E là giuso è rimaso, il mio bel velo. -
Deh perchè tacque, et allargò la mano?
     Ch’al suon de’ detti sì pietosi et casti
     14Poco mancò ch’io non rimasi in cielo.