Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CCCIX

Canzone XLVIII Sonetto CCCX

[p. 256 modifica]

SONETTO CCCIX.


DIcemi spesso il mio fidato speglio,
     L’animo stanco, et la cangiata scorza,
     Et la scemata mia destrezza et forza:
     4- Non ti nasconder più: tu se’ pur vèglio.
Obedir a Natura in tutto è il meglio,
     Ch’a contender con lei il tempo ne sforza. Sùbito allor, com’acqua ’l foco amorza,
     8D’un lungo et grave sonno mi risveglio:
Et veggio ben che ’l nostro viver vola
     Et ch’esser non si pò più d’una volta;
     11E ’n mezzo ’l cor mi sona una parola
Di lei ch’è or dal suo bel nodo sciolta,
     Ma ne’ suoi giorni al mondo fu sì sola,
     14Ch’a tutte, s’i’ non erro, fama à tolta.