Apri il menu principale

Lasso già di seguir la bella Fera

Domenico Lazzarini

L Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Lasso già di seguir la bella Fera Intestazione 19 ottobre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Domenico Lazzarini


[p. 218 modifica]

VIII


Lasso già di seguir la bella Fera
     Che da me fugge, e meco lasso Amore
     Che mi fu guida fin dal primo albore,
     Taciti e mesti ci fermiam la sera.
5Io lacrimando dico: invan si spera
     Giunger più mai quel rio fugace cuore,
     Ch’egli sua fuga avanza a tutte l’ore,
     Nè ’l vigor nostro è tal qual da prim’era.
Da vergogna Amor punto, io da nimica
     10Speranza, allora avvaloriamo il fianco
     Col pensier di Colei, ch’ambo affatica:
E per le folte tenebre pur anco

[p. 219 modifica]

Seguiam l’alpestre grave strada antica,
    E’l piè tant’osa più quant’è più staneo.