Apri il menu principale

219

Seguiam l’alpestre grave strada antica,
    E’l piè tant’osa più quant’è più staneo.


IX


Or, che tanto da voi lontano io vivo,
     Dolce mia pena, il cor languisce e manca,
     Nè per lieve sperar più si rinfranca
     Del lungo aspettar suo ben sazio e schivo.
5Invan per questi campi al prato, al rivo,
     Pasco d’altro Seren l’anima stanca,
     Che al paragon del Bello, che ci manca,
     Riesce ogn’altro a lei pascol nocivo.
Ben tengo una non so qual vaga immago
     10Di lei, serbata già da’ miei pensieri:
     E spesso al cor mostro, e non l’appago;
Ch’e’ va gridando; o pensier menzogneri
     Come d’un Bel divinamente vago
     Voi ritrar mai potrete i raggi veri?


FILIPPO LEERS


I


Qual Augellin, che da lontana parte
     Torna a veder l’arbor nativo e il lido,
     Pieni di desio del dolce antico nido
     Cercal di ramo in ramo a parte a parte:
5Ma vede poi sulle reliquie sparte
     Covare il serpe velenoso infido;
     Ond’innalzando i lai canori e ’l grido,
     Carco di doglia e disperato parte.
Tal’io men vò scorto dal van desìo,
     10Alto gridando: Ohimè l’almo ricetto,
     Ohimè l’Amore, ohimè l’albergo mio!
Perchè in quel vago, ahi non più vago petto,
     Ov’abitammo un tempo Amore ed io,
     Trovai, cercando Amore, odio, e dispetto.