Apri il menu principale
Giovanni Boccaccio

XIV secolo L Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu ballate Letteratura Lagrimando dimostro Intestazione 6 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Giovanni Boccacci


[p. 292 modifica]

     Lagrimando dimostro
Quanto si dolga con ragione il core
D’esser tradito sotto fede Amore.
     Amore, allora che primieramente
5Ponesti in lui colei per cui sospiro
Senza sperar salute,
Sì piena la mostrasti di virtute,
Che lieve reputai ogni martìro
Che per te nella mente,
10Ch’è rimasa dolente,
Fosse venuto: ma il mio errore
Ora conosco, e non senza dolore.
     Fatto m’ha conoscente dello ’nganno
Vedermi abbandonato da colei
15In cui sola sperava;
Ch’allora ch’i’ più esser mi pensava
Nella sua grazia e servidore a lei,
Senza mirare il danno
Del mio futuro affanno,
20M’accorsi lei aver l’altrui valore
Dentro raccolto, e me cacciato fore.
     Com’io conobbi me di fuor cacciato,
Nacque nel core un pianto doloroso
Che ancor vi dimora;
25E spesso maladico il giorno e l’ora
Che pria m’apparve il suo viso amoroso
D’alta biltà ornato
E più che mai ’nfiammato:
La fede mia la speranza e l’ardore
30Va bestemmiando l’anima che more.
     Quanto ’l mio duol senza conforto sia,
Signor, tu ’l puoi sentir, tanto ti chiamo
Con dolorosa voce;
E dicoti che tanto e sì mi cuoce,
35Che, per minor martìr, la morte bramo.
Venga dunque, e la mia
Vita crudele e ria

[p. 293 modifica]

Termini col suo colpo, e ’l mio furore;
Ch’ove ch’io vada il sentirò minore.
40     Null’altra via nïun altro conforto
Mi resta più che morte alla mia doglia.
Dàllami dunque omai:
Pon fine, Amor, con essa alli miei guai,
E ’l cor di vita sì misera spoglia.
45Deh fallo, poi ch’a torto
M’è gioi’ tolta e diporto!
Fa’ costei lieta, morend’io, signore,
Come l’hai fatta di nuovo amadore!
     Ballata mia, se alcun non t’appara,
50Io non me ’n curo, per ciò che nessuno
Com’io ti può cantare.
Una fatica sola ti vo’ dare;
Che tu ritruovi Amore, e a lui sol uno
Quanto mi sia discara
55La trista vita amara
Dimostri a pien, pregandol che ’n migliore
Porto ne ponga per lo suo valore.