La Mente

Silvio Pellico

1837 Indice:Poesie inedite di Silvio Pellico I.djvu Poesie Letteratura La Mente Intestazione 22 ottobre 2012 100% Da definire

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Poesie inedite (Pellico)


[p. 215 modifica]

LA MENTE.





Conjungere Deo et sustine.

(Eccli. 2. 3).



E che importa ovunque gema
     Questa salma sciagurata,
     S’altra possa Iddio m’ha data
     4Che null’uom può vincolar?
          Della creta dagl’inciampi
     Esce rapida la mente:
     Più d’un tempo è a lei presente,
     8Cielo abbraccia e terra, e mar.

[p. 216 modifica]

Io non son quest’egre membra
     Di poc’alito captive;
     Io son alma che in Dio vive,
     12Io son libero pensier.
          Io son ente, che, securo
     Come l’aquila sul monte,
     Mira intorno, e l’ali ha pronte
     16Ogni loco a posseder.

Invisibile discendo
     Or a questi, or a quei lari;
     Bevo l’aura de’ miei cari,
     20Piango e rido in mezzo a lor.
          De’ lontani veggio i guardi,
     De’ lontani ascolto i detti:
     Mille gaudii d’altrui petti
     24Mi riverberan nel cor.

Essi pur, benchè da loro
     Lunge sia mio seno oppresso,
     San che li amo, san che spesso
     28A lor palpito vicin:
          San che sol la minor parte
     Di me preda è degli affanni;
     San che l’alma ha forti vanni,
     32Che il suo vol non ha confin.

[p. 217 modifica]

Lode eterna al Re de’ Cieli
     Che m’ha dato questa mente,
     Che lo immagina, che il sente,
     36Che parlargli e udirlo può!
          Morte, invan brandisci il ferro:
     Di che mai tremar degg’io?
     Sono spirto, e spirto è Dio;
     40Nel suo sen mi salverò.


Poesie inedite deco.png