Apri il menu principale

La Cortigiana (1525)/Atto secondo/Scena ventitreesima

Atto secondo
Scena ventitreesima

../../Atto secondo/Scena ventiduesima ../../Atto secondo/Scena ventiquattresima IncludiIntestazione 30 maggio 2008 75% Teatro

Atto secondo - Scena ventiduesima Atto secondo - Scena ventiquattresima

Messer Maco, Maestro Andrea e Grillo.

Maestro Andrea
Non vi conosceria el senno, ma bisogna mostrare el cervello che voi avete. Ponetevi a sedere su la porta de la Signora, e se niuno passa fingete d’avere a portare una cassa; ma se voi non vedete nisuno per la strada, intrate in casa e fate quella cosa a la Signora.
Messer Maco
Con gintilezza, giuro a Dio bacio le mani.
Maestro Andrea
Avviatevi inanzi, noi vi verremo dietro, passo passo; e se la mala ventura volessi che quel spagnolo traditore ve incontrassi, Grillo, che per avere vostri panni par voi al naturale, gli passerà da lato e non piglierà sospetto di voi cosí travestito; intendi, gocciolon mio dolciato?
Messer Maco
Io v’afferro; ma caminatemi presso, ché qualcun non mi furassi a me stesso.