L'altrier pensando mi emaginai

Paolo Lanfranchi da Pistoia

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento L’altrier pensando mi emaginai Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 30 modifica]

VI

Amara delusione.

L’altrier pensando mi emaginai
mandare Amore a la donna mia;
ed a lui piacque per sua cortesia
andar a lei; tanto ne ’l pregai.
Poi retornò e disseme: — Che fai?
tutta l’ho misa ne la tua bailia:
I’ ti so a dire, ch’ell’è a mezza via,
e vien a te, se tu a lei non vai. —
Po’ me venn’un penser da l’altro lato,
e fortemente me represe e disse:
— Amico meo, tu hai folle pensato.
Or credi tu ch’ella con te venisse?
E tu anderesti a lei? Se’ tu in istato? —
Parvente allor che l’alma se partisse.