Apri il menu principale

Io vedea ne' tuoi bruni occhi cervieri

Pier Jacopo Martello

I Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Io vedea ne’ tuoi bruni occhi cervieri Intestazione 29 settembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Pier Jacopo Martello


[p. 267 modifica]

I1


Io vedea ne’ tuoi bruni occhi certieri
     Due di questo mio volto imaginette:

[p. 268 modifica]

     Scorgeane un’altra in tue sembienze elette,
     E in quel viso a me piacqui, ed in quei neri.
5Ma ilumi, u’ mi specchiai sì volentieri,
     Oggi, ahi!, morte ferì di sue saette;
     Svenner le guance, e ’n lor le due pozzette,
     Nè queste, o Figlio, è il bel proffil di jeri.
Anzi di me la miglior parte or langue;
     10Che il più teco ne venne, ed io qui resto
     Poco meo che nud’ombra, e corpo esangue,
Se dunque rechi entro l’avel funesto
     L’amor del padre e le fattezze e ’l sangue,
     Deh, Figlio, omai che non ti porti il testo?

Note

  1. Nell’immatura morte di Giovanni suo figliuolo.