Apri il menu principale
Giovanni Boccaccio

XIV secolo I Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Letteratura Io non ardisco di levar più gli occhi Intestazione 7 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Giovanni Boccacci


[p. 298 modifica]

     Io non ardisco di levar più gli occhi
In verso donna alcuna,
Qual’or io penso quel che m’ha fatt’una.
4     Nessun amante mai con puro core
O con fermo valore
Donna servì, com’io servìa costei:
E quand’io più fedel al suo volere
8Credea merito avere,
Giovane novo fe signor di lei:
Ond’io bassando gli occhi dico — Omei!
Non vo’ mirar nessuna,
12Che forse come questa inganna ognuna.