Apri il menu principale
Fazio degli Uberti

XIV secolo I Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Canzoni Letteratura Io miro i crespi e gli biondi capegli Intestazione 25 settembre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Fazio degli Uberti


[p. 236 modifica]

     Io miro i crespi e gli biondi capegli
De’ quali ha fatto per me rete Amore:
D’un fil di perle e quando d’un bel fiore
Per me pigliar i’ trovo ch’e’ gli adesca.
E poi riguardo dentro gli occhi begli.5
Che passan per gli miei dentro dal core

[p. 237 modifica]

Con tanto vivo e lucente splendore
Che propriamente par che dal sol esca:
Virtù mostra che loro onor più cresca.
10Ond’io che sì leggiadra star la veggio
Così fra me sospirando ragiono
— Oimè, perchè non sono
A solo a sol con lei ov’io la chieggio?
Sicch’io potessi quella treccia bionda
15Disfarla a onda a onda,
E far de’ suoi begli occhi a’ miei due specchi,
Che lucon sì dhe non trovan parecchi. —
     Poi guardo l’amorosa e bella bocca,
La spaziosa fronte e ’l vago piglio,
20I bianchi denti, e ’l naso dritto, e ’l ciglio
Polito e brun tal che dipinto pare.
E ’l vago mio pensiero allor mi tocca
E dice — Vedi allegro dar di piglio
In su quel labbro sottile e vermiglio,
25Che d’ogni dolce saporito pare!
Deh odi il suo vezzoso ragionare
Quanto ben mostra morbida e pietosa,
E come il suo parlar parte e divide!
Guarda quand’ella ride,
30Che per diletto passa ogni altra cosa! —
Così di quella bocca il pensier mio
Mi sprona; perchè io
Non ho nel mondo cosa che non desse
A tal che un sì con buon voler dicesse.
35     Poi guardo la sua svelta e bianca gola
Com’esce ben delle spalle e del petto,
E ’l mento fesso e tondo e piccioletto
Tal che più bel cogli occhi no 1 disegno.
E quel pensier che sol per lei m’invola
40Mi dice — Guarda e vedi bel diletto
Aver quel collo fra le braccia stretto
E fare in quella gola un picciol segno! —
Poi sopraggiugne e dice — Apri lo ingegno:
Se le parti di fuor son così belle,
45L’altre che dèn valer che dentro copre?
Che sol per le bell’opre

[p. 238 modifica]

Che sono in cielo, il sole e l’altre stelle,
Dentro da lor si crede il paradiso.
Dunque, se miri fiso,
50Pensar ben dèi ch’ogni terren piacere
Si trova dove tu non puoi vedere. —
     Poi guardo i bracci suoi distesi e grossi.
La bianca roano morbida e pulita;
Guardo le lunghe e sottilette dita
55Vaghe di quell’anel che l’un tien cinto.
E ’l mio pensier mi dice — Or se tu fossi
Dentro a quei bracci, fra quella partita,
Tanto diletto avrebbe la tua vita
Che dir per me non si potrebbe il quinto!
60Vedi ch’ogni suo membro par dipinto!
Formosa e grande quanto a lei s’avvene;
Con un colore angelico di perla;
Graziosa a vederla,
E disdegnosa dove si convene;
65Umile vergogiiosa e temperata,
E sempre a virtù grata:
In tra suoi bei costumi un atto regna,
Che d’ogni riverenza la fa degna.
     Soave a guisa va d’un bel pavone.
70Diritta sopra sè come una grua:
Vedi che propriamente ben par sua
Quanta esser può donnesca leggiadrìa.
E se ne vuoi veder viva ragione
(Dice il pensier), apri la mente tua
75Ben fisamente quando ella s’addua
Con donna che gentile e vaga sia:
Che, come par che fugga e vada via
Dinanzi al sol ciascuna altra chiarezza.
Così costei ogni adornezza sface.
80Or vedi s’ella piace;
Che amore è tanto quanto sua bellezza,
E somma e gran beltà con lei si trova.
Quel che a lei piace e giova
È sol d’onesta e di gentile usanza.
85Ed io nel suo ben far prendo speranza. —

[p. 239 modifica]

     Canzon, tu puoi ben dir sicuramente
Che, poi che al mondo bella donna nacque,
Nessuna mai non piacque
Generalmente quanto fa costei;
Perchè si trova in lei75
Beltà di corpo e d’anima bontade,
Fuor che le manca un poco di pietade.


(Dalle Rime antiche dell’ediz. giunt., ov’è fra quelle d’incerti. Per autorità di molti codici la rendiamo a Fazio; riscontrata e migliorata la lezione sul testo Fratic. nelle R. Apocrife di Dante, e con alcune delle var. del cod. marciano adottate da P. Zanotto nei Lirici del sec. primo, sec. e terzo; Venezia, Antonelli, 1858; non senza l’aiuto de’ codd. ricc. in alcun luogo di questa e delle precedenti.)