Apri il menu principale
greco

Bione di Smirne II secolo a.C. I 1824 Angelo Maria Ricci Indice:Le odi di Anacreonte e di Saffo.djvu Poesie letteratura In morte del Canarino di Fillide Intestazione 7 settembre 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Le odi di Anacreonte e di Saffo


[p. 161 modifica]

IN MORTE DEL CANARINO
DI FILLIDE.


Da Bione.


Spento di Fillide
     È il Canarino;
     3Ma se tra gli uomini
     Sordo è il destino,
     Oltre le ceneri
     6Lo vince Amor.
Spettro pellucido,
     Nell’ora bruna,
     9Or va su tremulo
     Raggio di luna,
     Che in croco pallido
     12Lo tinge ancor.
La sua vaghissima
     Spoglia gentile
     15Unse coi balsami
     D’eterno aprile
     Lo stesso Zeffiro
     18Che lo educò.

[p. 162 modifica]

Degli occhi concavi
     Nelle fossette,
     21Stillò due gocciole
     Di brine elette,
     E il Sole in ebano
     24Le colorò.
Tentando il musico
     Cavo torace,
     27Talor fin trassene
     L’aura loquace
     Un fioco sibilo,
     30Che oh Dei! mentì.
Il rostro e il soffice
     Pennacchio adorno
     33D’elettro liquido
     Spruzzò d’intorno
     L’arborea. Driade
     36Che lo nutrì.
Fille, l’amabile
     Spoglia gradita
     39Tutta l’immagine
     Serbò di vita,
     E a te la dedica
     42L’industre Amor.

[p. 163 modifica]

Quella che mancagli
     Vita sì cara,
     45Mia Fille ascoltami,
     L’avrà più chiara
     Nella memoria
     48Del tuo dolor.


FINE.