Il Tesoretto/XII

../XI

../XIII IncludiIntestazione 11 marzo 2012 75% Letteratura

XI XIII
[p. 43 modifica]

XII.


Da poi, ch’a la Natura

  Parve, che fusse l’ura
Del mio dipartimento,
  Con gajo pariamento
Mi cominciò a dire
  Parole da partire:
Con grazia, e con amore
  Facendo a me onore,
Disse; Fi di Latino,
  Guarda, che ’l gran cammino
Non trovi esta semana;
  Ma questa selva piana,
Che tu vedi a senestra
  Cavalcherai a destra.
Non ti paja travaglia,
  Che tu vedrai san faglia
Tutte le gran sentenze,
  E le dure credenze.
E poi da l’altra via
  Vedrai Filosofia,

E tutte sue sorvlle;
[p. 44 modifica]

  Poi udirai novelle
De le quattro vertuti;
  E se quindi ti muti,
Troverai la Ventura,
  A cui si pone cura,
Che non ha certa via.
  Vedrai Baratteria,
Che ’n sua corte si tiene
  Di dire ’l male, e ’l bene.
E se non hai timore,
  Vedrai lo Dio d’Amore;
E vedrai molta gente,
  Che servono umilmente
E vedrai le saette,
  Che fuor de l’arco mette.
Ma perchè tu non cassi
  In questi duri passi,
Ti porta questa ’nsegna,
  Che nel mio nome regna:
E se tu fussi giunto
  D’alcun gravoso punto,
Tosto la mostra fuore,
  Nè fia sì duro cuore,
Che per la mia temenza
  Non t’abbia reverenza.
Et io gecchitamente
  Ricevetti presente
La ’nsegna, che mi diede.
  Poi le baciai lo piede,
E mercè le chiamai,
  Ch’ella m’avesse omai
Per suo accomandato.
  E quando fui girato
Gia più non la lividi.

[p. 45 modifica]

  Or convien, ch’i’ mi guidi
Ver là dove mi disse,
  Anzi, che si partisse.