Gravoso affanno e pena

Lemmo Orlandi

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Gravoso affanno e pena Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 21 modifica]

III

LEMMO ORLANDI

CANZONE I

Si duole con Amore che la sua donna,
da benigna, sia ora diventata con lui crudele.

Gravoso affanno e pena
mi fa’ tuttor sentire,
Amor, per ben servire
quella, di cui m’ha’ priso e servo dato.
5Tutta mia forza e lena
ho misa in te seguire;
di lei fermo ubidire
non son partito, ma leale stato.
E tu pur orgoglioso
10ver’ me spietato e fèro
se’ mostrato e crudero,
poi che ’n bailia avesti lo mio core.
E’ convensi a signore
d’essere umile in meritar servente:
15tu pur di pene mi fai star sofrente.
Sono stato sofrente,
e son, di gran tormento,
Amor, poi che ’l talento

[p. 22 modifica]

di quella ch’amo cangiasti per vista
20ver’mei; ché primamente
facesti mostramento
di far meo cor contento
di lei, di quella gioi’ ch’or disacquista.
Si che, per tal sembianza,
25misi ’l core e la mente
a servir fermamente
tua signoria, Amor, pur’e leale.
Ma non è stato tale
ver’ me ’l suo cor, come mostrar sembianza
30tu mi facesti, Amor; und’ho pesanza.
Amor, merzé ti chero,
poi che son dimorato
in si gravoso stato,
com’mi tenesti, si lunga stagione.
35Non si’ ver’ me si fèro,
ch’assai m’hai affannato
e forte tormentato,
seguendot’a tuttor fòr falligione.
Mòvet’ormai merzede,
40lei voler, che disvole
(unde ’l meo cor si dole),
fa’ ’l meo servir, ché sol ciò ti dimando.
E, se, merzé chiamando,
tu non m’aiuti, Amor, altro non saccio
45ch’aitar mi possa che la morte avaccio.
Donna, mercé dimando
a voi, che di beltade
fior e di nobeltade
siete, sovr’onni donna, e di piagenza,
50ch’agiate provedenza
sovr’al mio stato grave e doloroso:
in ciò, mercé! sia ’l vostro cor pietoso.