Giosuè (Diodati 1821)/capitolo 19

../capitolo_18

../capitolo_20 IncludiIntestazione 12 marzo 2012 100% Da definire

capitolo 18 capitolo 20

[p. 204 modifica]

La parte di Simeone.

19  POI la seconda sorte fu tratta per Simeone, per la tribù de’ figliuoli di Simeone, secondo le lor nazioni; e la loro eredità fu per mezzo l’eredità dei figliuoli di Giuda.

2  Ed ebbero nella loro eredità Beer-seba, e Seba e Molada;

3  E Hasar-sual, e Bala, ed Esem;

4  Ed Eltolad, e Betul, e Horma;

5  E Siclag, e Bet-marcabot, e Hasar-susa;

6  E Bet-lebaot, e Saruhem; tredici città, con le lor villate;

Poi Ain, e Rimmon, ed Eter, e Asan; quattro città, con le lor villate;

8  E tutte le villate ch’erano d’intorno a queste città, fino a Baalat-beer, che è Rama meridionale. Questa fu l’eredità della tribù de’ figliuoli di Simeone, secondo le lor nazioni.

9  L’eredità de’ figliuoli di Simeone fu tolta della parte de’ figliuoli di Giuda; perciocchè la parte de’ figliuoli di Giuda era troppo grande per loro; perciò i figliuoli di Simeone ebbero la loro eredità per mezzo l’eredità di essi.

La parte di Zebulon.

10  POI la terza sorte fu tratta per li figliuoli di Zabulon, secondo le lor nazioni; e il confine della loro eredità fu infino a Sarid.

11  E il lor confine saliva verso il mare1, fino a Mareala; e si scontrava in Dabbeset, e giungeva al torrente, che è dirincontro a Iocneam;

12  E da Sarid si volgeva verso il Levante, a’ confini di Chislot-tabor; e si stendeva verso Dabrat, e saliva in Iafia;

13  E di là passava verso il Levante in Ghitta-hefer, e Itta-casin; poi, girando verso Nea, si stendeva fino a Rimmon;

14  Poi quel confine si volgeva dal Settentrione verso Hannaton, e faceva capo alla valle d’Iftael;

15  E comprendeva Cattat, e Nahalal, e Simron, e Ideala, e Betlehem; dodici città, con le lor villate.

16  Questa fu l’eredità de’ figliuoli di Zabulon, secondo le lor nazioni, cioè: queste città, con le lor villate.

La parte di Issacar.

17  La quarta sorte fu tratta per Issacar, per li figliuoli d’Issacar, secondo le lor nazioni.

18  E della lor contrada fu Izreel, e Chesullot, e Sunem;

19  E Hafaraim, e Sion, e Anaharat;

20  E Rabbit, e Chision, ed Ebes;

21  E Remet, ed Ed-gannim, ed En-hadda, e Bet-passes.

22  E il lor confine si scontrava in Tabor, e in Sahasim, e in Bet-semes; e faceva capo al Giordano: e v’erano sedici città, con le lor villate.

23  Questa fu l’eredità della tribù de’ figliuoli d’Issacar, secondo le lor nazioni, cioè: queste città, con le lor villate.

[p. 205 modifica]

La parte di Aser.

24  Poi la quinta sorte fu tratta per la tribù de’ figliuoli di Aser, secondo le lor nazioni.

25  E della lor contrada fu Helcat, e Hali, e Beten, e Acsaf;

26  E Alammelec, e Amead, e Miseal; e il lor confine si scontrava in Carmel, verso il mare, e in Sihor-libnat.

27  Poi ritornava verso il Levante in Bet-dagon, e si scontrava in Zabulon, e nella valle d’Iftael, verso il Settentrione, e in Bet-emec, e in Neiel, e faceva capo a Cabul, dalla man sinistra;

28  E comprendeva Ebron, e Rehob, e Hammon, e Cana, fino a Sidon, la gran città.

29  Poi questo confine si volgeva verso Rama infino a Tiro, città forte; e di là si rivolgeva verso Hosa, e faceva capo al mare, dalla costa di Aczib;

30  E comprendeva Umma, e Afec, e Rehob; ventidue città, con le lor villate.

31  Questa fu l’eredità della tribù de’ figliuoli di Aser, secondo le lor nazioni, cioè: queste città con le lor villate.

La parte di Neftali

32  LA sesta sorte fu tratta per li figliuoli di Neftali, secondo le lor nazioni.

33  E il lor confine fu da Helef, e da Allon fino in Saanannim; e da Adaminecheb, e Iabneel, fino a Laccum; e faceva capo al Giordano.

34  E questo confine si volgeva dall’Occidente verso Asnot-tabor, e di là procedeva fino a Huccoc; e dal Mezzodì si scontrava in Zabulon, e dall’Occidente in Aser; e da Giuda il Giordano era dal Levante.

35  E le città forti erano Siddim, e Ser, e Hammat, e Raccat, e Chinneret;

36  E Adama, e Rama, e Hasor;

37  E Chedes, ed Edrei, ed En-hasor;

38  E Ireon, e Migda-el, e Horem, e Bet-anat, e Bet-semes; diciannove città, con le lor villate.

39  Questa fu l’eredità della tribù de’ figliuoli di Neftali, secondo le lor nazioni, cioè: queste città, con le lor villate.

La parte di Dan.

40  La settima sorte fu tratta per la tribù de’ figliuoli di Dan, secondo le lor nazioni.

41  E della contrada della loro eredità fu Sorea, ed Estaol, e Irsemes;

42  E Saalabbim, e Aialon, e Itla;

43  Ed Elon, e Timnata, ed Ecron;

44  Ed Elteche, e Ghibbeton, e Baalat;

45  E Iud, e Bene-berac, e Gat-rimmon;

46  E Me-iarcon, e Raccon, con la contrada che è dirimpetto a Iafo.

47  Ora, a’ figliuoli di Dan scaddero i confini troppo piccoli per loro; e però salirono, e combatterono Lesem, e la presero, e la misero a fil di spada, e la possedettero, e abitarono in essa, e le posero nome Dan, del nome di Dan, lor padre.

48  Questa fu l’eredità della tribù de’ figliuoli di Dan, secondo le lor nazioni, cioè: queste città, con le lor villate.

Timnat-sera data a Giosuè.

49  Ora, dopo che i figliuoli d’Israele ebber finito di prender la possessione del paese, secondo i suoi confini, diedero eredità a Giosuè, figliuolo di Nun, per mezzo loro.

50  Secondo il comandamento del Signore, gli diedero la città ch’egli chiese, cioè: Timnat-sera, nel monte di Efraim; ed egli riedificò la città, e abitò in essa.

51  Queste sono le eredità, le quali il Sacerdote Eleazaro, e Giosuè, figliuolo di Nun, e i Capi delle nazioni paterne delle tribù de’ figliuoli d’Israele, spartirono a sorte, in Silo, davanti al Signore, all’entrata del Tabernacolo della convenenza; e così finirono di spartire il paese.