Apri il menu principale
La coppia

../Comprendere ../A un suicida IncludiIntestazione 13 aprile 2018 100% Da definire

Solitudini - Comprendere Solitudini - A un suicida
[p. 33 modifica]

LA COPPIA.


Passa una coppia, ove non è la luna.
Risa sommesse. Aneliti. Carezze
senza pietà, come vendette. Asprezze
4di baci folli. Poi, silenzio. È l’una.


Si smemora la notte, in un’insania
dolce. È il languor dei grappoli d’acacia. —
È quella coppia in ombra, che si liacia. —
8È l’aroma del filtro di Brangania. —

[p. 34 modifica]



.... Tu che fai qui?... Rasenta i muri, e asconditi
il viso coi tuo vel, tu che sei sola!...
No. — Resti.... Non v’ha lacrima o parola
12di rimpianto nei calmi occhi profondi.


Sola sei, con la nera ombra difforme
tua, che t’insegue sul pallor sidereo
del marciapiede. E fredda, nel cinereo
16volto di sfinge e dentro il cuor che dorme.


Pur ieri ardevi sino alle midolla
del fuoco per cui sol bella è la vita.
Chi ti strappò l’anello dalle dita?...
20Chi a te del sogno inaridì la polla?...


.... Vedesti il teschio nello specchio, tu.
Quei felici che passano, non sanno,
ma sapranno. — Oh, il gran ghigno dell’inganno
24in quella lastra!... — Ora non soffri più. —