Apri il menu principale
A un suicida

../La coppia ../Il pozzo abbandonato IncludiIntestazione 13 aprile 2018 100% Da definire

Solitudini - La coppia Solitudini - Il pozzo abbandonato
[p. 35 modifica]

A UN SUICIDA.


Stolto!... Ed eccoti lì, come uno straccio.
Che anima di crusca avevi tu
mai, che al primo fendente, a mucchio, giù
4t’è sfuggita?... Sei vuoto, ora. Sei diaccio.


Sei una cosa inutile, che il piede
getta da un lato, e terra copre, e croce
non vuole. Non più bocca hai per la voce,
8nè mano per carezza, e cuor per fede.

[p. 36 modifica]



Ah, sol per questo, vivere era bello,
sia pur soffrendo!... Piangere o godere,
abbrividir di strazio o di piacere,
12che importa, pur di esistere, o fratello?...


Io non voglio il tuo sonno. Io d’una cosa
sola ho il ribrezzo: della morte. — Il resto
è gioco, anche il dolor più orrendo, questo
16dolor, che tutta m’ha pesta e corrosa:


e più esso m’affanna, e più vibranti
fiamme attizzo al mio fuoco d’energia:
e poi che andar bisogna, e tu la via
20mi sbarri, ti scavalco, — e passo avanti.