Apri il menu principale
Il volto

../Freschezza ../La morte IncludiIntestazione 13 aprile 2018 100% Da definire

Rivo fra pietre - Freschezza Rivo fra pietre - La morte
[p. 49 modifica]

IL VOLTO.


Talor, — quando ti credi sola, e ignori
che nell’ombra gelosa in cui t’interni
ti spìano i miei seguaci occhi materni, —
4in un pensiero il volto trascolori.


Cinte le braccia ad arco sui ginocchi,
tesi il mento e la bocca in un superbo
gesto di volontà, pensi. Niun verbo
8può dire quel che dicono i tuoi occhi.

[p. 50 modifica]



Ardor di sangue, ardor di fede, vampo
represso. — Ma è ben tuo, figlia, quel viso?...
Ove io lo scôrsi, un giorno?... e avea quel riso
12interïore, e quel selvaggio stampo


d’adolescenza conscia d’esser viva
per esser forte!... Ove lo scôrsi?... Forse
nell’altra vita. O, forse, in sogno. O, forse,
16in uno specchio. Ah, mi ricordo!... Empiva


del suo denso pallor la fredda lastra
appesa al muro. E mi guardava, fisso.
Era il mio volto, sôrto da un abisso i
20d’ombra, e riflesso in torba acqua verdastra:


nuovo a me, dal grande arco delle ciglia
al labbro acceso: cerchio inebriante
d’enigmi, ove affondavo il cuor tremante:
24ed ora è tuo perchè il trasmetta, o figlia.