Apri il menu principale
L'incantesimo dei fiori

../Passione ../I giacigli IncludiIntestazione 14 aprile 2018 100% Da definire

Ada Negri - Esilio (1914)
L'incantesimo dei fiori
Compagni di strada - Passione Compagni di strada - I giacigli
[p. 187 modifica]

L’INCANTESIMO DEI FIORI.


Tu batti con la tua timida nocca
all’uscio, ed entri; e strisci alla parete,
incerta. — Ma chi sei?... Porti una rete
4d’oro sui fianchi, e una giunchiglia in bocca.


Vidi altre volte il viso tuo sottile
di faunetta silvestre, fra due rami
spuntare. Ma piacer d’altri richiami
8mi spìnse — e non sentìi ch’era d’aprile.

[p. 188 modifica]



Solo or m’accorgo che hai un occhio verde
ed uno azzurro, e sai di terra e d’erba.
Ah, s’io ti bacio sulla bocca acerba,
12forse l’anima mia più non ti perde!...


Non oso. Ma con denti di pantera,
aguzzi, tu sorridi: e t’è caduto
il fior di bocca, e col leggiadro e muto
16gesto a me ti riveli, o Primavera:


e fiori e fiori dalle dita snelle
sbocciano, in fasci, in grappoli, in germogli:
per la mia gioia al nudo suol tu sciogli
20la tua dovizia di terrene stelle.


Tanto mi doni?... Vi son dunque tanti
fiori nel mondo?... ed io le avverse ciglia
chiuse tenevo sulla maraviglia
24ch’ora, per te, mi folgora?... per quanti

[p. 189 modifica]



anni fui cieca?... — Ecco le genzïane
cilestri, e il fior di menta, e il fior di maggio-
-rana, e il timo e il ranuncolo selvaggio,
28e le viole dalle facce umane:


ecco i fiori di frutto, ah, sì leggeri
che a un soffio cadono, e già gonfio è il seme
di sotto; e l’eliotropo aureo, che teme
32la notte, e volge al sole occhi e pensieri:


e le rose di carne, di dolcissima
e tenue carne, che, a mangiarla, in succhi
d’amore si trasforma; e nivei mucchi
36di tuberose, e grappe di narcissi:


e il cupo verde delle felci, e i pallidi
grigi de le betulle, e le incorporee
trine del capelvenere, e le arboree
40glicinie, e le palustri emerocallidi....

[p. 190 modifica]



.... Sorreggimi, Occhiglauca!... Ho la vertigine.
Or mi trasmuto, come Dafne, in tronco.
Lo spirto, in forma umana avvinto e monco,
44torna, d’un balzo, alla silvestre origine!...


Boccadifiori, baciami!... Parole
divine odo, calor di linfe suggo.
E dalla vita e dalla morte fuggo,
48per annientarmi nel fulgor del sole.