Apri il menu principale

Era il primiero Caos, e dall'oscuro

Francesco Redi

E Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Era il primiero Caos, e dall’oscuro Intestazione 5 ottobre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco Maria Redi


[p. 355 modifica]

XVI


Era il primiero Caos, e dall’oscuro
     Grembo di lui ebbe il natale Amore,
     Che dissipò quel tenebroso orrore,
     Onde le belle idee prodotte furo.
5Tal nella mente mia fosco ed impuro
     Stavasi in prima un indistinto orrore,
     Quando Amor pur vi nacque, e al suo splendore
     Tosto io divenni luminoso e puro.
Natovi Amore, egli inspirò la mente
     10Al desìo del sovrano eterno Bello,
     Che solo, ed in sè stesso ha la sorgente.
E perchè sempre io fossi intento a quello,
     Sempre voglioso, e viè più sempre ardente,
     Fe’ vedermene in voi, Donna, il modello.