Apri il menu principale

Era disposta l'esca, ed il focile

Francesco Redi

E Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Era disposta l’esca, ed il focile Intestazione 5 ottobre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco Maria Redi


[p. 350 modifica]

II


Era disposta l’esca, ed il focile
     Per destar nel mio seno un dolce ardore:
     Sol vi mancava qualche man gentile,
     Che battesse la selce in mezzo al cuore.
5Quando Madonna alteramente umile
     Ver me si fece in compagnia d’Amore;
     E colla bella man non ebbe a vile
     Trarmi dal sen qualche favilla fuore.
Ma sì ratto l’incendio allor s’apprese,
     10E sì vasto, e sì fiero, e sì stridente,
     Che tutto il seno ad occupar si stese.
Ah! che il fuoco d’Amor serpe talmente,
     Che quella stessa man, che in pria lo aecese,
     A frenarlo dappoi non è possente.