Egli è ben ver che sotto Amor mi trove

Trebaldino Manfredini

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu sonetti Egli è ben ver che sotto Amor mi trove Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
O tu, che l'amorosa fiamma prove El tuo bel dir liggiadro ver' me piove

[p. 22 modifica]

2 — TREBALDINO
Non vuol saperne di chi gli scrive, mentre si profferisce affezionato al Nuccoli.

Egli è ben ver che sotto Amor mi trove,
e provo spesso in me com’è molesta
la vita degli amante, e che lor pesta;
4ma, se provato hai, fa’ che riprove.
Se io servo ad Amore, e saper fòve
ch’io non so’al mondo só’l’altrui podestá;
onde par la mia vita disonesta
8piú, ched è in onne donna, De’ vi giove?
Ma tu dice si spesso ch’io mi pento
d’aver detto del si, che si mi spoglio
11d’ogne mia volontade, e piú non sento
de te en me, si come sentir soglio;
e d’engannare altrui non n’ho talento,
14ma’ te, che dice: — Voglio, — e poi: — Disvoglio.
Al mio signor ser Cecco tutto sano
libero glie me do, e verde e secco,
poi che se dice ch’io del suo ben lecco.