Dov'è, Signor, la tua grandezza antica

Antonio Maria Tommasi

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Dov’è, Signor, la tua grandezza antica Intestazione 24 dicembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT



[p. 405 modifica]

XII


Dov’è, Signor, la tua grandezza antica,
     E l’ammanto di luce, e l’aureo trono?
     Dove il fulmin tremendo, il lampo, il tuono,
     E l’atra nube, che al tuo piè s’implica?
5Parmi, che urba rea m’insulti, e dica:
     Questi è ’l tuo Nume? è quel vagito è il tuono
     Scuotitor della Terra? e quelle sono
     le man, ch’arser Gomorra empia impudica.

[p. 406 modifica]

Esci, gran Dio, da l’umíl cuma, e in tempio
     10Cangiato il vil presepio, al primo onore
     Torna del soglio, e sì favella all’Empio:
Vedrai, vedrai del giusto mio furore
     La forza immensa a tuo gran danno e scempio.
     Tu, che non sai quanto in me possa amore.