Apri il menu principale
Giovanni Boccaccio

XIV secolo D Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Dormendo un giorno, in sonno mi parea Intestazione 2 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Giovanni Boccacci


[p. 300 modifica]

     Dormendo un giorno, in sonno mi parea
Quasi pennato volar verso il cielo
Dietro all’orme di quella il cui bel velo
4Cener è fatto et ella è fatta iddea.
     Quivi sì vaga e lieta la vedea,
Ch’arder mi parve di più caldo zelo
Ch’io non solea e dileguarsi il gelo
8Ch’in pianto doloroso mi tenea.
     E, guardando, l’angelica figura
La man distese, come se volesse
11Prender la mia; et io mi risvegliai.
     Oh quanta la mia fu disavventura!
Poichè, se ella allor preso m’avesse,
14E sì qua giù non ritornava mai.