Apri il menu principale

Donna gentil, nel cui volto traluce

Antonio Sforza

D Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Donna gentil, nel cui volto traluce Intestazione 12 maggio 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Antonio Sforza


[p. 382 modifica]

I


Donna gentil, nel cui volto traluce
     Quel fuoco di virtù che il cuor vi accende,
     Non isdegnate il basso dir, che prende
     A lodar voi d’ogni bell’opra duce.
5Come vapor, che il bel fonte di luce
     Con nubiloso velo ci contende,
     Tempra il lume così, che men offende
     Nostre pupille, ed a mirarle adduce:
Così qualora i vostri pregi ’n queste
     10Mie rime adombro, io fò, che alcun s’appressi
     Ad ammirar vostra virtù celeste.
Che se mostrar qual siete voi potessi,
     Non m’avria fede il Mondo, e voi sareste
     Sepolta dentro i vostri raggi stessi.