Apri il menu principale
382

ANTONIO SFORZA.


I


Donna gentil, nel cui volto traluce
     Quel fuoco di virtù che il cuor vi accende,
     Non isdegnate il basso dir, che prende
     A lodar voi d’ogni bell’opra duce.
5Come vapor, che il bel fonte di luce
     Con nubiloso velo ci contende,
     Tempra il lume così, che men offende
     Nostre pupille, ed a mirarle adduce:
Così qualora i vostri pregi ’n queste
     10Mie rime adombro, io fò, che alcun s’appressi
     Ad ammirar vostra virtù celeste.
Che se mostrar qual siete voi potessi,
     Non m’avria fede il Mondo, e voi sareste
     Sepolta dentro i vostri raggi stessi.


II


Dagli occhi santi, ove onestate alloggia,
     E maggior possa, e più bei raggi assume,
     Posso imparar con quali salde piume
     L’Alma si leva, e al Ciel sicura poggia:
5Che da quel primo dì, che tanta pioggia
     Versaro in me di puro amico lume,
     Scosso d’intorno suo freddo costume,
     Non più lo spirto al reo desir si appoggia.
Ma non posso imparar lo stil, che serpe
     10Per entro all’Alme, e con tal modo destro
     Incanta, e lega, e il cuor dal seno sterpe:
Ch’ella non l’ebbe già per caldo d’estro,
     Nè per Apollo, o per dono d’Euterpe,
     Ma qualche Angelo in Ciel le fu maestro.


III1


Chi siete voi, Signore, e chi son io,

  1. A Dio.