Donna, vostre bellezze

Bonagiunta Orbicciani

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Donna, vostre bellezze Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 73 modifica]

II

Varie e tante son le bellezze della donna sua.

Donna, vostre belleze,
ch’avete col bel viso,
m’hanno si priso — e messo in disianza,
che d’altra amanza — già non agio cura

. [p. 74 modifica]

5Donna, vostre belleze,
ch’avete col bel viso,
mi fan d’amor cantare.
Tante avete adorneze,
gioco, solazo e riso,
IO che siete fior d’amare.
Non si poria trovare
né donna, né donzella
tanto bella — che con voi pareggiasse,
chi lo mondo cercasse — quant’el dura.
15Dura ’l meo core ardore
d’uno foco amoroso,
che per voi, bella, sento.
Tanto mi dà sprendore
vostro viso gioioso,
20che m’adasta il talento.
S’eo languisco e tormento
tutto in gio’ lo mi conto,
aspettando quel ponto — ch’eo disio
di ciò ch’io — credo in voi, gentil criatura.
25Maritate e pulzelle
di voi so’ ’nnamorate,
pur guardandovi mente.
Gigli e rose novelle
vostro viso aportate
30si smirato e lucente.
Ed eo similemente
’nnamorato son di vue
assai più che non fue — Tristan d’Isolda:
meo cor non solda — se non vostr’altura.