Dialoghi degli Dei/9

9. Nettuno e Mercurio

../8 ../10 IncludiIntestazione 19 settembre 2008 75% letteratura

Luciano di Samosata - Dialoghi degli Dei (Antichità)
Traduzione dal greco di Luigi Settembrini (1862)
9. Nettuno e Mercurio
8 10
Nettuno.
Si può parlar con Giove, o Mercurio?
Mercurio.
No, o Nettuno.
Nettuno.
Ma portagli l’ambasciata.
Mercurio.
Non essere importuno, ti dico: non è tempo, ora non potresti vederlo.
Nettuno.
Forse è con Giunone?
Mercurio.
No: tutt’altro.
Nettuno.
Capisco: Ganimede è dentro.
Mercurio.
Neppure: sta indisposto un po’.
Nettuno.
E come, o Mercurio? Oh, questo mi dispiace!
Mercurio.
Mi vergogno a dirlo: ecco.
Nettuno.
Ma non devi vergognarti con me, che ti son zio.
Mercurio.
Vuoi saperlo? Ora ha partorito.
Nettuno.
Partorito egli? e chi l’ha ingravidato? Dunque era maschio-femmina, e noi nol sapevamo? Ma il ventre non gli pareva cresciuto affatto.
Mercurio.
Ben dici; chè ei non aveva nel ventre il feto.
Nettuno.
Intendo: ha partorito dalla testa un’altra volta, come partorì Pallade: egli ha la testa che partorisce.
Mercurio.
No, in una coscia ei fu gravido d’un fanciullo avuto da Semele.
Nettuno.
Benissimo: costui ingravida tutto, in tutte le parti del corpo. Ma chi è Semele?
Mercurio.
Una Tebana, una delle figliuole di Cadmo: ei v’ebbe che fare, e la ingravidò.
Nettuno.
E poi ha partorito egli, invece di lei?
Mercurio.
Appunto: e so che ti parrà nuova. Giunone (sai quanto è gelosa) andò da Semele, e con suoi inganni la persuase a chieder da Giove che l’andasse a trovare coi tuoni e coi lampi. La semplice così fece, Giove v’andò anche col fulmine, il quale bruciò la soffitta della casa, e Semele perì nel fuoco. Egli mi comandò di sparare il ventre della donna, e di portargli il feto ancora imperfetto di sette mesi; e poi ch’io ebbi ciò fatto, egli si aprì una coscia, e ve lo chiuse per farlo giungere al punto; ed ora entrato nel terzo mese l’ha partorito, ed è sfinito dai dolori.
Nettuno.
Ed ora dov’è il fanciullo?
Mercurio.
L’ho portato in Nisa, e l’ho dato ad allevare alle Ninfe, e si chiama Dioniso.
Nettuno.
Dunque mio fratello è padre e madre di questo Dioniso?
Mercurio.
Così pare. Ma lasciami andare a portargli l’acqua per la ferita, e a far le altre faccende d’uso, chè egli è nel puerperio.