Apri il menu principale

Di febbre ria, ma più dal duolo oppressa

Giuseppe Paolucci

1833 D Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti letteratura Di febbre ria, ma più dal duolo oppressa Intestazione 23 settembre 2008 75% Sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. xiv modifica]

GIUSEPPE PAOLUCCI.1


Di febbre ria, ma più dal duolo oppressa
     Langue, o Tirsi, d’Arcadia il più bel fiore:
     Ninfa, che non so dir, se porti impressa
     Beltà maggior nel volto, oppur nel cuore.
E langue sì, ch’ella non par la stessa,
     Che di tant’alme vinte ebbe l’onore:
     Tal di maligno umor nube atra e spessa
     Cuopre que’ lumi, ond’è sì dolce amore.
Ma da’ languidi rai non però cade
     Men grave il dardo, ond’il mio cuor s’accende,
     Anzi vie più pungente il fa pietade:
Chè quando da virtude il vigor prende
     D’amore il fuoco, ei per mancar beltade
     Punto non scema, o chiaro men risplende.

Note

  1. In occasione d’una grave malattia d’una Donna assai virtuosa.