Dev'orno a la fortuna con coragio

Bonagiunta Orbicciani

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Dev’orno a la fortuna con coragio Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 80 modifica]

II

7L’uomo deve resistere fortemente ai colpi di fortuna.

Dev’orno a la fortuna con coragio
istar più forte quando incontra gli ène,
e quanto più gli cresce e fa damagio,
alora più conforta la sua ispene.
E questo agio veduto per usagio:
che ’I bene e ’l male l’uno e l’altro avene;
per me lo dico, che provato l’agio:
chiunqua sé sconforta, no fa bene.
Ben ce dovemo de lo mal dolire,
tempo aspetare e prendere conforto,
si che lo male no tanto rincresca.
Eo, disiando, pensaimi morire:
ventura m’ha condutto a si bon porto,
che tute le mie pene in gioi’ rifresca.