De la rason, che non savete vero

Bonagiunta Orbicciani

Guido Zaccagnini/Amos Parducci 1915 Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento De la rason, che non savete vero Intestazione 17 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Tenzone fra Gonnella Antelminelli, Bonagiunta e Bonodico


[p. 92 modifica]

II

Risposta di Bonagiunta a Gonnella
L'un ferro vince l'altro per forza dell'acciaio.

De la rason, che non savete vero,
di rasion è che ’l mio parer de’ stima.
L’un ferro vince l’altro per aciero,
ciò è lo fior del ferro, che si sprima
per foco, finch’è bianco ch’era nero;
e mettasi dal taglio e da la cima,
e cresce in de lo stato primero
si ch’altro ferro da lui non strima.
Sentenza dia l’aucel, che fece il nido
quando la gran fredura fi col vento;
ca per lo caldo ciascun ride e balla.
Io sacio che di giorno in giorno grido
Io contrario del nostro piacimento:
se no m’amollo, tal voler m’avalla.