De' guata, Ciampol, ben questa vecchiuzza

Cecco Angiolieri

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti De’ guata, Ciampol, ben questa vecchiuzza Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Un marcennaio intende a grandeggiare Salute manda lo tu' Buon Martini
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti (Cecco Angiolieri)
[p. 133 modifica]

CXL

La ridicola figura d’una vecchia rancida.

De’ guata, Ciampo!, ben questa vecchiuzza
com’ell’è ben diversamente vizza,
e quel, che par, quand’un poco si rizza,
4e come coralmente viene ’n puzza,
e coni’a punto sembra una bertuzza
del viso e de le spalle e di rattezza,
e, quando la miriam, come s’adizza
8e travolge e digrigna la boccuzza.
Che non dovresti si forte sentire
d’ira, d’angoscia, d’afTanno o d’amore,
11che non dovessi molto rallegrarti,
veggendo lei, che fa maravigliarti
si, che per poco non ti fa perire
14gli spiriti amorosi ne lo core.