Credenza sia, ma si 'l sappia chi vuole

Cecco Angiolieri

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Credenza sia, ma si 'l sappia chi vuole Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
L'altrier sí mi ferio una tal ticca S'i' mi ricordo ben, i' fu' d'amore
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti (Cecco Angiolieri)
[p. 94 modifica]

LXII

Non è piú il tempo di soffrire nell’attesa paziente.

Credenza sia, ma si ’l sappia chi vuole,
ch’i’ho donat’lina cos’a Becchina,
che, s’io non l’ho staser’o domattina,
4daroll’a diveder che me ne duole.
Che non è or quel tempo, ch’esser suole,
merzé de l’alta potenza divina,
che m’ha cavato di cuor quella spina,
8che punge com’uliscon le viuole.
La quale spina Amor noma la gente;
ma chi lei pose non lesse la chiosa,
11e, s’e’ la lesse, si seppe niente:
ch’i’dico ch’ell’è spina sanza rosa;
coni’ quella punge, dir può’ lealmente,
14ché la mie costion non si è dubbiosa.