Coralmente me stess'ho'in ira, ca ppo-

Monte Andrea

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Coralmente me stess'ho'in ira, ca ppo- Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Come forte — fort'è — e traforte — l'ora Ècci venuto Guido a Compostello
[p. 55 modifica]

17 — MONTE
È vano tentar di persuadere un ghibellino cocciuto: ci penserá Carlo!

Coralmente me stess’ho ’n ira, ca pporgo
a tal mio dire, ca ppoco
mi sana morte, s’i’ ne cappo:

[p. 56 modifica]

ché svariato è tutto ciò, ch’appo-
5rta, ed ancor tutto, c’ha ppodere:
vera sentenza non v’accappo.
Fòr di rasgione le quistioni, ch’appo‐
ne, son corrette, ca pponisce
se stesso chi tale fa incappo;
10ancor del suo maestro dico, ca ppò
fare, ché segue ch’appo-
rtò menzogne tali, ove non ha scappo.
Ché lo dire di tali dico c’ha ppo‐
sanza in tal loco, ch’appo
15gir con ciascuno foli’è, s’honne cappo.
Ed io approvo per certo ched a qua‐
nte sentenze né da quali
pòrte mi sono né fiaro a qualora,
tutte sono, a qua‐
20nt’ han conoscenza, colpi come ’n aqua.
Ma li colpi mortali fiaro a qua‐
ndo pure giugnerá qua
la gente, ch’è centra Carlo fèra, a’ qua’
torrá la vita; la qua‐
25ntitá sia assai, ch’e’ dicerá pur: — Dá’ qua! —