Apri il menu principale

Contrari venti di Fortuna e Amore

Francesco Domenico Clementi

C Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 7 settembre 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco Domenico Clementi


[p. 118 modifica]

XIV


Contrari venti di Fortuna e Amore
     Urtano i fianchi del mio stanco legno:
     Quest’impiega nell’un tutto il suo sdegno,
     Tutto quella nell’altro il suo rigore.

[p. 119 modifica]

5Sicchè scorger non so fra tanto orrore
     Chi ne sarà l’usurpatore indegno:
     So ben, che questo è il meditato segno,
     Ove drizzano entrambi il lor furore.
Senza vele e nocchier, senza consiglio,
     10Vassene in mezzo a notte orrida, oscura
     A lor talento il misero naviglio.
Onde in tenzon così crudele e dura,
     Vinca Amore, o Fortuna, il suo periglio,
     E la perdita sua sempre è sicura.