Apri il menu principale

Con un me fuor di me detesto, oh Dio

Lorenzo Magalotti

C Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Con un me fuor di me detesto, oh Dio Intestazione 22 aprile 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Lorenzo Magalotti


[p. 247 modifica]

II


Con un me fuor di me detesto, oh Dio,
     Quel, che l’interno me con cieche brame
     Pur vuole: e intanto la rabbiosa fame,
     Sol mercè del timor pasce il desìo.
5Troppo basso timor, che in van ordio
     Spesso al senso ribelle il suo legame
     Troppo forte desìo, che a stretto esame
     Forse è voler, cotanto in su salìo
Questo basso timor, che in me non vale,
     10Questo forte desio, che tanto puote,
     Questo me dentro me, che si prevale,
Svella, o Signor, colle pupille immote,
     Di Fede armato il braccio inerme e frale,
     Con armi al senso, e alla ragione ignote.