Apri il menu principale
Cino da Pistoia

XIV secolo C Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Con gravosi sospir traendo guai Intestazione 30 luglio 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


[p. 106 modifica]

     Con gravosi sospir traendo guai,
Donna gentil, dalla vostra rivera,
E contra ’l mio voler, mi dislungai:
Il dimorar peggio che morte m’era.
     Ma per la speme del tornar campai,5
E tornai a veder voi donna fera:
Così non fossi io ritornato mai!
Deh male n’aggia quella terza sfera,
     Perch’è contra di me cotanto strana!
Dolente me tapin! son io giudìo,10
Che nulla val per me mercede umana?
     In che ventura e ’n che punto nacqu' io,
Ch’a tutto ’l mondo sete umile e piana
E sol vêr me tenete ’l cor sì rio?