Apri il menu principale
Matteo Frescobaldi

XIV secolo C Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Com' più riguardo l'onesta bellezza Intestazione 22 settembre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Matteo Frescobaldi


[p. 212 modifica]

     Com’più riguardo l’onesta bellezza
Che sotto nero manto chiara luce,
Più sento Amor che nella mente adduce
4Gaia novella gioia d’allegrezza;
     La qual m’infiamma sì di sua vaghezza,
Che sovr’ogni virtù nel cor riluce.
Quest’è colei che m’entrò per la luce
8Con quel signor che frange ogni durezza.
     Sì dolcemente dentro del cor posa,
Che ciascun mio spirito contenta,
11E l’alma più mi vive dilettosa.
     Ver è ch’alcuna volta par ch’io senta
Una fiamma d’amor tanto amorosa,
14Che la troppo dolcezza mi tormenta.


(Pubblicato di sul cod. 580 chig. nel vol. III dei Commentari della volgar poesia, di G. M. Crescimbeni; Roma, 1710.)