Apri il menu principale

Cieca di mente, e di consiglio priva

Girolamo Baruffaldi

C Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 27 giugno 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Girolamo Baruffaldi


[p. 53 modifica]

I


Cieca di mente, e di consiglio priva
     Scende giù l’alma avvolta in fragil manto,
     E peregrina finchè giunga a riva
     Questa prende a passar valle di pianto.
5Ivi talor non sa se muoia, o viva
     Fra le tempeste, che l’assedian tanto
     Ma se di Fè l’occhio più interno avviva
     Qual mai si vede alto soccorso accanto
Spirto immortal, che il Ciel di sè innamora,
     10Fassi a lei guida, e presso lei riluce,
     E trarla cerca dal periglio fuora.
Ma guai, se dietro l’orme sue di luce
     Pronta non segue, e cade assorta: allora
     Folle di sè dorrassi, e non del Duce.