Chi de l'altrui farina fa lasagne

Cecco Angiolieri

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Chi de l'altrui farina fa lasagne Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Stando lo baldovino dentro un prato Cecco, se Deo t'allegri di Becchina
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti (Cecco Angiolieri)
[p. 137 modifica]

CXLIX

Non bisogna far i conti senza l’oste.

Chi de l’altrui farina fa lasagne,
il su’ castel non ha muro né fosso;
di senno, al mio parer, è vie piú grosso,
4che se comprasse noci per castagne.
E detti di colui son tele e ragne,
ell’offende e dice: — I’ non sarò percosso: —
e non ha denti e roder vuol un osso,
8e d’alti monti pensa far campagne.
Però di tal pensiere non sia lordo
omo, che del valore ha ’l cuor diserto,
11ché mal suol arrivar volere ’ngordo.
Ma faccia come que’, che sta coperto
fin ch’altri ha rotto e franto suo bigordo:
14poi mostri ben ch’e’ sia di giostra sperto.