Capitolo XXII

../XXI ../XXIII IncludiIntestazione 12 settembre 2008 75% letteratura

XXI XXIII

Argomenti degli antichi intorno all’immortalità dell’anima.

Senofonte così introduce a parlare Ciro il maggiore negli ultimi momenti del viver suo:

"Non vogliate pensare, o figli miei dilettissimi, che nel lasciare questo mondo, io cessi di essere in mezzo a voi e rientri nel nulla. Anche nel corso della mia vita non fu mai da voi veduta l’anima mia, tuttoché quanto fu da me operato fosse per voi argomento di credere che essa abitasse questo corpo. Persuadetevi della di lei esistenza anche se vi è invisibile.

"Per verità sarebbero inutili gli onori resi alle mute ceneri dei trapassati, se alla nostra pietà non venissero chiesti dal voto delle anime di essi, cui torna dolce di vedere conservata la propria memoria.

"Non crederò mai che l’esistenza dell’anima sia vincolata al corpo, e che spengasi nell’uscirne, e molto meno che inerte rimanga nel disgiungersi dall’inerte materia. Bensì che sciolta una volta dalla sostanza corporea, l’anima ritorni alla limpidezza e semplicità primitiva. In allora soltanto scintillerà il lampo della suprema intelligenza.

"E siccome in morte la natura dell’uomo cade in dissoluzione, ed ogni di lei elemento vediamo ritornare alla sua origine, ed ogni cosa ridursi ai principi da cui derivò: l’anima sola sì nell’atto di vestire che d’abbandonare la fragile spoglia terrena, sfugge ai nostri sensi.

"Osservate la morte; nulla più del sonno le rassomiglia. E tuttavia dormendo l’anima palesa la propria divina essenza, a tale punto che nella libertà dei sogni talora udiamo predire l’avvenire. Da ciò è permesso di immaginare cosa sia per divenire una essenza così sottile disciolta da ogni terreno legame. Se dunque l’anima è aspettata da tanto destino, venerate la mia quale partecipe della divinità. Se poi perisse con il corpo, voi però devoti agli Dei, che presiedono a così mirabile prodigio, non cessate di serbarmi pia ed onorata memoria."