Carlo, quando a ritirar s'accinse Apelle

Giovanni Mario Crescimbeni

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Carlo, quando a ritirar s'accinse Apelle Intestazione 11 gennaio 2020 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT



[p. 140 modifica]

VII


Carlo, quando a ritrar s’accinse Apelle
     Del terzo Ciel la finta Dea profana,

[p. 141 modifica]

     Tolse il Bel da ogni Bella, e nuova e strana
     Ordì beltà di queste forme e quelle.
5Ma tu la vera Bella infra le belle
     Pugendo, unica in Ciel Diva e Sovrana
     Con mirabil potenza e sovrumana
     Gisti il Bello a rapir sovra le stelle,
Quindi la Greca fragil opra impura
     10Mancò nella sua breve aura vitale
     Ratto così, che appena il nome or dura,
Ma poichè a Nulla di terreno e frale
     Tu t’attenesti, in ogni età futura
     Vivrà la tua celeste opra immortale.